pubblicazioni Lutto-DEUIL

Cosa fare e cosa dire nel tempo del lutto ad un bambino, ragazzo, ed adolescent

In un mondo in cui i nostri valori sono sempre più legati all’edonismo, al piacere del momento, alla felicità “apparente”, il saggio di Ernesto De Martino suona come un richiamo coraggioso alla realtà.

Sembra che in una società che valorizza il culto dell’essere belli e giovani per essere felici, non ci sia spazio per accettare la certezza della morte, che diventa così un tabù, e che la sofferenza ad essa annessa debba essere nascosta.

Questo dolore, indispensabile per l’elaborazione del lutto, sarebbe probabilmente meno grande se la morte fosse nuovamente un argomento di cui si parla apertamente, senza mezze parole, come lo era nel passato, poiché essendo intrinseco alla vita, non può essere dimenticato. E’ un dovere dell’adulto quello di non nascondersi dietro frasi che celano la verità, ma al contrario affrontare la morte e il suo significato, sia religioso, sia ateo, con i bambini e i ragazzi

Ernesto ci ricorda che i percorsi da affrontare sono meno dolorosi se si rispettano i riti, che possono sembrare fuori luogo oggi, ma che sono necessari, sia per il singolo, sia per la collettività. La società ha infatti  il dovere di farsi carico delle sofferenze di un suo membro. Attraverso i riti, si può ritrovare il senso del bello e una pace interiore imprescindibile dal percorso di elaborazione del lutto.

Un saggio breve, ricco tuttavia di spunti riflessivi, che deve essere assolutamente letto da chi, a vario titolo, in quanto genitore, familiare,  insegnante, ha a che fare con bambini e ragazzi.

 

Gabriella Laffaille

Sindaco di Rueglio

 

si può aquistare il libro anche contattandomi per e mail

 

 

per chi fosse interessato ad aquistare il mio saggio sull' elaborazione del lutto, vi invito a  contattarmi per e mail.

Ritualità del silenzio. Guida per il cerimoniere funebre

 

La scomparsa di una persona cara evidenzia un momento sacro dell'esistenza, sospende il tempo della quotidianità, per fermare la circostanza in cui dare un saluto, esprimere un pensiero, ricordare. Oggi il rito funebre sta mutando sempre più.

Ci troviamo in una fase di trasformazione culturale e sociale, in cui nuove e consapevoli capacità di far fronte alla relazione d'aiuto con i dolenti e l'emergere di attuali esigenze di ritualità privata e laica, accanto a quella tradizionale e religiosa, offrono al Cerimoniere l'opportunità di potenziare la qualità del servizio funebre, di comprendere meglio se stesso sotto il profilo emozionale e relazionale, di offrire soluzioni adeguate, in sintonia con le richieste dei familiari in lutto, per la personalizzazione dei riti funebri.

Il volume, curato da Maria Angela Gelati e con la prefazione di Ines Testoni, vanta contributi di: Ilaria Bordone, Clemente Ernesto De Martino, Sabina Fresch, Simona Pedicini, Davide Perucci, Alessandra Rizzi, Francesco Ve-schi, Alessia Zielo.

 

que faire et que dire lors d'un deuil

 L’essai d’Ernesto de Martino est avant tout un acte de courage car parler de la mort aujourd’hui constitue à la fois un anachronisme et un tabou.

Dans un monde orienté exclusivement vers la recherche du plaisir, du moindre effort, où l’ambition dominante est celle du bonheur individuel, que l’on ne peut atteindre que si l’on est beau et jeune, la mort n’est pas acceptable, car elle est liée à la souffrance, ce qui n’a plus cours aujourd’hui.

Ernesto nous rappelle qu’il est au contraire nécessaire d’affronter cette réalité, intrinsèque à la vie, et que les adultes ont le devoir d’en parler ouvertement aux enfants et aux adolescents qui y sont confrontés. Cacher la réalité, parler à demi-mots ne les aide pas, bien au contraire.

Dans un monde où on a tendance à se moquer des coutumes anciennes, il nous rappelle encore l’importance des rites, eux aussi indispensables à l’élaboration du deuil. Le cérémonial qui entoure la mort permet de passer d’un acte individuel à l’acte collectif, à la prise en charge de l’évènement par le groupe social, ce qui  constitue une aide pour retrouver la paix intérieure.

Un texte bref, néanmoins riche, que tous les adultes qui fréquentent enfants et adolescents, que ce soit pas par profession ou par liens familiaux, devraient lire.

Gabriella Laffaille

Maire de Rueglio

 

VOUS POUVEZ COMMANDER LE LIVRE EN ME CONTACTANT PAR E MAIL.